Blog: http://danielacondemi.ilcannocchiale.it

Capezzone nuovo portavoce di Berlusconi

«Pur non disponendo del programma Adobe Fotoshop anche Stalin fece sparire Karl Radek da una celebre fotografia dei capi del Cremlino. Ma di Radek rimasero le mani e quel ritocco si rivelò un infortunio politico. Lo stesso vale per Veltroni novello Stalin: nasconde nell'armadio Prodi, ma le sue mani, come quelle di Visco e Padoa-Schioppa, sono ben visibili nelle troppe tasse che gli italiani pagano».
Questo è uno dei suggerimenti che i candidati del PdL hanno trovato in quella sorta di vademecum fornito dal partito a tutti coloro che corrono per le elezioni politiche.
Tuttavia stamattina Massimo Bordin, nel corso della sua magnifica rassegna stampa, ha scommesso la bellezza di cinquanta euro con gli ascoltatori, sostenendo di aver indovinato chi ne fosse l’autore.
Strana la politica italiana, verrebbe da dire, in cui da una legislatura all’altra un ex vicepresidente del consiglio di centrodestra diventa capolista del centrosinistra in Campania, e invece un ex segretario di partito dello schieramento di centrosinistra diventa il portavoce del leader del centrodestra.
E infatti, altro che escluso, sarà proprio Daniele Capezzone il nuovo portavoce di Berlusconi. Cosa che, francamente, mi sembra anche un'ottima scelta: spesso i migliori, si sa, vengono dalla scuola radicale.

Pubblicato il 15/3/2008 alle 2.13 nella rubrica Cronache politiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web