.
Annunci online

  danielacondemi politica, antipolitica, ecologia
 
Diario
 


NON SONO LE IDEE
CHE MI SPAVENTANO,
MA LE FACCE".
(L. Longanesi)

politichiamo



In particolare:
Appunti e spunti per un centrodestra ecologista

L'Altra Napoli
La società del rifiuto
Intervista ad Ale e Franz



Inserisci la tua e-mail:


Powered by FeedBlitz





tutto blog
Antivirus gratis in italiano per vista,  windows vista e xp
Statistiche gratis


5 marzo 2008

Un attimo dopo le candidature...

... e tra radicali e Pd  è già contenzioso.
Il loro è stato il dissenso più leale di cui il governo Prodi abbia goduto.
Ma il dissenso, si sa, soprattutto se porta con sé anche il peccato di accompagnarsi alla lealtà, in politica proprio non paga.
Buona campagna elettorale, verrebbe da dire.

LISTE PD: RADICALI AFFIDANO LORO RAGIONI A PARERE GIURISTI

(9Colonne) Roma, 5 mar - In queste ore diversi giuristi si stanno esprimendo sul patto tra radicali e Partito democratico, in seguito alla composizione delle liste elettorali. I radicali affidano le loro ragioni al parere di tre rinomati giuristi. "Io - spiega Carlo Alberto Graziani, docente di diritto civile all'Università di Siena - non so se sul piano del codice civile il comportamento del Pd nei confronti dei Radicali sia censurabile (forse no), so solo che sul piano della Costituzione, per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale, occorre - soprattutto se i cittadini non hanno la possibilità di scegliere i propri rappresentanti - che i partiti si comportino tra loro e con gli elettori in modo leale e trasparente". "Io - conclude - non so se sul piano della politica con la p minuscola il comportamento del Pd sia censurabile (forse no), so solo che sul piano della Politica con la P maiuscola quel comportamento offende i principi fondamentali". Secondo Antonio Nicita, docente di politica economica della stessa università "i meccanismi di selezione delle candidature hanno seguito logiche molto lontane dagli auspici di Walter Veltroni e del nuovo corso". "Ci sono casi oggettivamente imbarazzanti - prosegue - come quello siciliano. Ci sono tre province che non hanno rappresentanti, Siracusa, Ragusa, Caserta. A ciò si aggiunge il caso dei radicali: era del tutto evidente dal tenore dell'accordo che i nove posti avrebbero dovuto essere riferiti a posti 'sicuri'". "Non è un caso - sottolinea Nicita - che il numero di nove seggi si riferisse alla stima del contributo radicale alla lista Rnp sulla base dei voti del 2006. D'altra parte - prosegue - mi sembra che i sei o sette seggi 'prodiani' siano in postazione 'sicura' e che nessuno di loro sia a rischio. Auspico che si possano modificare agevolmente alcune postazioni dei radicali, visto che c'è tutto il tempo per farlo, e che con questa occasione il Pd possa anche migliorare alcune situazioni un po' scandalose che si sono verificate in talune circoscrizioni. Non sempre la fretta è un vantaggio. Più spesso, come diceva il poeta, essa è nemica della bellezza". Giuseppe de Vergottini, ordinario di diritto costituzionale dell'università di Bologna, osserva che le collocazioni dei radicali nelle liste del Pd, "tali da non assicurare il successo non rispondono a quello che pare l'oggetto dell'intesa che era stata raggiunta". "Quindi - prosegue - se le cose stanno come riportate dagli organi di informazione, siamo di fronte a una evidente inadempienza da parte di Veltroni. Quest'ultimo si prenderà quindi la responsabilità politica (il giudizio dell'opinione pubblica e quindi degli elettori) circa il mancato rispetto di un accordo che fino a prova contraria avrebbe liberamente e scientemente assunto".
(Caf) 051835 MAR 08



5 marzo 2008

Inquietante lettura

Secondo Grillo quella del Pd sarebbe una condanna a morte per Giuseppe Lumia.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia Pd Veltroni Beppe Grillo

permalink | inviato da danielacondemi il 5/3/2008 alle 19:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


6 febbraio 2008

Cosa loro



Pare che Veltroni voglia far fuori tutti dalle liste, tranne lui.
Tanto che importa, con questa legge non c'è mica la preferenza.
Tanto che importa, mica si è chiamati a render davvero conto agli elettori di fatti e di misfatti, e le liste si fanno tra amici nelle segrete stanze. Anzi, nel loft, in questo caso.
Tanto vedrai, che i napoletani sono abituati ad accettare l'inaccettabile e, alla fine, sopporteranno di certo anche questo. Senza neanche blaterare più di tanto.
Tanto comunque il PD è il nuovo per antonomasia, persino se presenta Bassolino.
Tanto comunque è cosa loro.

PS: aggiornamento. Lo stesso Giornale oggi smentisce l'ipotesi precedente.
Bassolino non sarebbe candodato alle prossime politiche ma - più in là - mandato a rappresentarci in Europa.
Peggio mi sento.


sfoglia     febbraio        aprile
 

 rubriche

Diario
Articolo del giorno
Cronache politiche
Hanno detto
Scontri culturali
Sarò anche la loro voce
Al momento abbiamo un solo pianeta
Altra Napoli
Interviste
Divagazioni
Mondo
Eventi e manifestazioni

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

LAV
L'AltraNapoli
IPAM


RadioRadicale
Streamit
The Blog TV
Dagospia
Il Ficcanaso Tv
Il Corriere dell'Irpinia
Cosmopolis


***BLOG DA VEDERE
Adinolfi
Bioetica
Bolognetti
Daw
De Amicis
De Marchi
Dyotana
Ecoblog
Giornalettismo
Oscar Grazioli
Grillo
Hurricane
Inoz
Inyqua
Jazztrain
LiberaliperIsraele
Malvino
Nardi
Nazione Indiana
Politicrack
Riganera
Welby
Animali e diritti
Cercocasa
*Tocqueville
*The Network journal

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom